Tinto Enoteca Store

La Braccesca

A pochi chilometri da Montepulciano, al confine tra la Toscana e l’Umbria , la Tenuta La Braccesca è immersa in uno splendido territorio che è stato prima etrusco e romano, poi medievale, poi rinascimentale. Si estende su 420 ettari dove un tempo sorgeva l’antica fattoria dei conti Bracci, da cui deriva il nome della tenuta e il suo stemma: un braccio coperto da armatura che regge una spada. Le terre della Braccesca si trovano in due zone vicinissime ma molto differenti: Montepulciano, classica e prestigiosa terra del “Nobile”, e Cortona, che si è affacciata con autorevolezza sul panorama internazionale dei vini di qualità grazie soprattutto alle varietà internazionali, primo fra tutti il Syrah. Queste due “anime” rappresentano lo stile della Braccesca, nel rispetto per la tradizione e costante ricerca, nell’armonia tra antico e nuovo, nella conoscenza del proprio lavoro e nella passione per la qualità. I vini prodotti dalla Tenuta La Braccesca sono il risultato di questa felice combinazione. La Marchesi Antinori ha cominciato a investire in questa zona – una delle più nuove e promettenti della Toscana e di tutta Italia – agli inizi degli anni ‘90. A quel tempo il Nobile di Montepulciano aveva inaugurato da poco il suo secondo Rinascimento.Ma i vini di Montepulciano in realtà erano già famosi allora e ancora molto prima di allora. Nel suo insieme, la superficie a vigneto della tenuta La Braccesca è oggi di 265 ettari, destinati a diventare 300 nei prossimi anni.
Attualmente 162 a vigneto si trovano nel comune di Cortona e 103 ettari si trovano invece in Montepulciano, dei quali 73 circa, fra tre delle sottozone più rinomate per la produzione dei grandi vini rossi di Montepulciano: Cervognano, Gracciano e Santa Pia. Già dagli inizi degli anni ‘90 l’azienda ha iniziato a impiantare nuovi vigneti, la base fondamentale per costruire grandi vini. Sono stati messi a dimora vitigni classici come il Prugnolo Gentile (varietà locale del Sangiovese) provenienti da selezioni massali Aziendali, ma anche varietà non autoctone come il Merlot e il Syrah, che nella zona delle colline ai piedi di Cortona hanno trovato un terreno ideale.
Il processo è tuttora in corso: nel giro di qualche anno, l’azienda terminerà il proprio progetto di ampliamento, mirato a selezionare le varietà migliori e ottenere la massima qualità per ogni zona. Con lo stesso obiettivo le medie di produzione di uva per ettaro sono tenute al di sotto di quelle ammesse dai vari disciplinari. I 162 ettari di vigneti del corpo principale della tenuta, vicini a Cortona, si trovano a circa 290-300 metri sul livello del mare e sono coltivati in prevalenza a Syrah. Qui il terreno è di medio impasto con una buona dotazione di argilla e limo. I 103 ettari a vigneto in Montepulciano ivi compresi i 73 ettari di Cervognano, Gracciano e Santa Pia, situati a circa 280 metri sul livello del mare, sono coltivati prevalentemente con vitigni Sangiovese ed in quantità ridotte merlot e syrah, hanno terreno di consistenza tendenzialmente argillosa (argille rosse) e ricca di scheletro. Il clima è mediterraneo e temperato e nella zona di Cortona gioca a favore anche l’influenza del vicino Lago Trasimeno – con buona ventilazione, piovosità nei periodi ottobre-dicembre e marzo-giugno e sole per 130-170 giorni l’anno. La temperatura media primaverile è sugli 11,5-12,5 gradi, quella estiva sui 23-24 gradi.