Easydive

Marco Carpineti

Marco Carpineti è uno di quei produttori che sono riusciti a raggiungere un buon successo rimanendo fermamente legati a metodi produttivi tradizionali e al territorio di origine, che in questo caso corrisponde alle pendici dei Monti Lepini, nel comune di Cori, nell’entroterra meridionale della regione Lazio, al confine con la Ciociaria. Le origini di questa avventura produttiva risalgono al 1986, quando Marco prende le redini dei terreni di famiglia e, spinto da una sincera passione per la natura, trasforma l’azienda agricola in una cantina modello. A partire dal 1994 abbraccia i metodi di agricoltura biologica, abolendo dai suoi vigneti i concimi chimici e i prodotti di sintesi e seguendo un percorso di sostenibilità ambientale e di incremento sulla qualità che continua ancora oggi ce che lo ha portato lentamente ad un approccio agricolo vicino alla biodinamica. I vigneti di Marco Carpineti, oggi aiutato dai figli Paolo e Isabella, si estendono nelle località Capolemole, Pezzi di Ninfa e Valli San Pietro, radicati su terreni di origine vulcanica ed esposti a sud e sud-ovest. Questo terroir è straordinariamente vocato alla viticoltura non solo da un punto di vista pedoclimatico, grazie alla vicinanza sia dei monti che del mare, ma anche per il ricco patrimonio di tradizioni produttive che riguarda alcuni vitigni autoctoni: Bellone, Nero Buono e Greco Moro. Marco ha sin da subito scommesso tutto su questi vitigni tipici del territorio, investendo tutto per presentarli nella loro veste tradizionali ma anche per declinarli con la spumantizzazione secondo il Metodo Classico. Accanto a questi vitigni tipici del territorio di Cori, vengono coltivati anche Cesanese e Montepulciano. I vini di Marco Carpineti sono il frutto di un lungo percorso di recupero della tradizione, sostenibilità ambientale e valorizzazione dei vitigni tipici del territorio di Cori. Nascono quindi da molto lontano ma hanno un aspetto elegante e moderno. L’obiettivo di questa cantina di rimanere fedele al terroir non si traduce infatti in proclami estremistici o in scelte integraliste ma in una chiara impronta territoriale che sa essere aggiornata, moderna e giovanile, caratterizzata da una straordinaria piacevolezza di beva.